Come pulire una poltrona relax

Poltrone e divani, oltre ad essere elementi fondamentali per l’arredamento, rappresentano il vero cuore pulsante di ogni salotto: sono tra i complementi d’arredo più vissuti della casa, attorno cui prende vita la quotidianità di chi la abita, giorno dopo giorno.

Essendo così essenziali e tanto impiegati, divani e poltrone necessitano di una pulizia e una manutenzione accurata, proprio per mantenere le loro caratteristiche e la loro bellezza inalterata nel tempo. Le poltrone relax non sono da meno, anzi: la pulizia delle poltrone relax va effettuata con regolarità, così da conservare nel tempo la morbidezza del rivestimento e la sua bellezza estetica.

Mondoflex, azienda leader nella vendita di poltrone, divani, materassi, guanciali e reti, offre una vasta gamma di poltrone relax dai rivestimenti di vario tipo; proprio in base del materiale del rivestimento, cambierà il modo corretto di effettuare la sua pulizia: vediamo nell’articolo come fare.

Pulizia delle poltrone relax: a ogni rivestimento il suo tipo di pulizia

Quando si sceglie di acquistare una poltrona relax bisogna anche decidere quale rivestimento si preferisce, tra i materiali più comuni ci sono: tessuto, ecopelle e pelle

Ogni tipologia di rivestimento ha, però, esigenze diverse in fatto di pulizia e manutenzione. Le pulizie quotidiane, inoltre, possono essere eseguite con meno meticolosità rispetto a quelle periodiche, che invece necessitano di maggior tempo per la cura del rivestimento e per la pulizia della poltrona relax.

La pulizia ordinaria delle poltrone relax

Come pulire la pelle sintetica? E come pulire le poltrone di tessuto? Per le pulizie ordinarie di una poltrona relax in ecopelle o in tessuto basta usare una spazzola con setole morbide – o un aspirapolvere – per eliminare lo sporco.
Come pulire una poltrona di pelle? Per quanto riguarda la pulizia ordinaria, una poltrona con rivestimento in pelle, invece, necessita dell’uso di un panno inumidito.

Come pulire una poltrona relax: la manutenzione straordinaria

Nel caso in cui la poltrona si macchi è fondamentale il tempismo. Con tutte le tipologie di rivestimento è consigliabile un pre-trattamento con sapone di Marsiglia, poi, a seconda del materiale di rivestimento, sarà necessario procedere in maniera differente per rimuovere del tutto la macchia. Vediamo come fare nei paragrafi successivi, insieme a come procedere per la manutenzione periodica per i diversi rivestimenti delle poltrone relax. 

Poltrone in ecopelle: come pulire la pelle sintetica

Per quanto riguarda la manutenzione straordinaria di una poltrona in ecopelle, si inizia con il passare sul rivestimento un panno in microfibra inumidito con acqua e sapone di Marsiglia, in grado, all’occorrenza, di avere un’ottima efficacia pulente anche sulle macchie più difficili. Successivamente si passa alla rimozione dell’umidità con un panno asciutto.

Come pulire una poltrona di pelle

Per sapere come pulire una poltrona di pelle occorre seguire tre passaggi: prima si procede con la rimozione della polvere con l’ausilio di un aspirapolvere, poi si passa sul rivestimento in pelle un panno inumidito, preferibilmente imbevuto con acqua calda e sapone di Marsiglia; infine si massaggia il rivestimento con una crema liquida a pH neutro che garantisca la morbidezza del rivestimento nel tempo – andrà bene anche una comune crema per il corpo che usiamo quotidianamente. Con le poltrone relax in pelle è importante non utilizzare detergenti che possano seccare o screpolare il materiale, ma solo prodotti cremosi e morbidi che lo nutrano.

In caso di macchie accidentali sul rivestimento, niente paura! La pelle è per sua natura un materiale che non assorbe immediatamente liquidi e sostanze (quindi piuttosto pratico da pulire!): basterà tamponare con carta assorbente lo sporco per evitare di lasciare aloni e procedere poi passando un panno così da applicare la classica miscela a base di acqua e sapone di Marsiglia.

Come pulire le poltrone di tessuto

Per pulire più a fondo una poltrona in tessuto si inizia dalla rimozione dello sporco con un aspirapolvere, nel caso in cui il rivestimento non si possa rimuovere. Se invece il rivestimento in tessuto è removibile, basterà effettuare un lavaggio a freddo in lavatrice a una temperatura di massimo 40 gradi. I cuscini, invece, vanno sbattuti e arieggiati.

Al momento dell’acquisto della poltrona relax è possibile anche optare per rivestimenti impermeabili all’acqua. Si tratta di tessuti che sono stati sottoposti a particolari trattamenti che consentono alle macchie liquide accidentali di scivolare via ed essere facilmente tamponate con un panno. Questa tipologia di tessuti spesso è anche più semplice da pulire dalle macchie secche, che possono essere asportate con un po’ di acqua e sapone.

Come agire su macchie specifiche 

Abbiamo appreso come pulire una poltrona relax in base al diverso tipo di rivestimento, ma nel caso di macchie particolari il modo più adeguato di rimuoverle dipende dalla loro origine.

Nel caso di macchie a base acquosa, come tè, bibite varie o caffè, sarà necessario pulire lo sporco con un panno che tamponi il liquido, ma senza sfregare e asciugare con il phon per evitare che si formino aloni.

Nel caso di macchie più ostinate – come quelle grasse – sul rivestimento di tessuto, è opportuno usare un panno imbevuto con della trielina e tamponare con cura ed estrema delicatezza il contorno della macchia, senza mai esercitare eccessiva pressione o sfregare il rivestimento.

Inoltre, sempre per quanto riguarda i rivestimenti in tessuto, alcune macchie specifiche possono essere trattate anche con sostanze naturali, ad esempio:

  • Macchie di vino: per non lasciare aloni si può tamponare la macchia con acqua fredda,  utilizzare poi del sale per coprirla e farla infine asciugare. Se la macchia è già asciutta, potete tamponarla con del succo di limone e poi procedere con il lavaggio raccomandato.
  • Macchie di caffè: se ancora umido, tamponare il caffè con un panno per rimuovere la maggior parte del liquido; se il rivestimento è in un tessuto di cotone, potete usare aceto o sale e succo di limone, lasciando agire per un’ora prima del lavaggio vero e proprio.
  • Macchie di unto: le macchie di olio o burro possono essere rimosse con l’aiuto del borotalco, da mettere sulla macchia fresca dopo aver tamponato delicatamente, e lasciando agire per alcune ore prima di rimuovere il tutto con una spazzola.
  • Macchie di inchiostro: è molto difficile da rimuovere e andrebbe trattato subito con limone e sale, che vanno lasciati assorbire per poi risciacquare.

Nel caso in cui vogliate utilizzare specifici prodotti per la pulizia, come gli smacchiatori che si trovano comunemente in commercio, è consigliabile fare una prova in un punto nascosto del rivestimento per verificarne l’efficacia.

Inoltre, è bene ricordare che esistono appositi copripoltrona per le poltrone relax: sono utili per preservare dall’usura la seduta, lo schienale e i braccioli, ma devono essere diversi da quelli comuni a unico pezzo. Infatti, un comune copripoltrona non permetterebbe il corretto funzionamento del meccanismo alzapersona: ecco perché si possono acquistare dei copripoltrona separati, uno per lo schienale, uno per i braccioli e uno per la seduta.

Da Mondoflex è possibile trovare diversi modelli di poltrone relax: ora che sappiamo come prendercene cura e come preservare la loro durata e prestanza nel tempo, non resta che dedicarci all’acquisto!



Consegna

entro 15/20 giorni lavorativi



Garanzia

5 anni



Pagamenti rateizzati

close
Shopping cart
close