La temperautra ideale per dormire: consigli per riposare meglio

Vi siete mai chiesti quale sia la temperatura ideale da tenere nella stanza, quando si dorme? Secondo diversi studi è meglio dormire in una stanza fresca, sia in estate che in inverno, ma attenzione in estate all’utilizzo di condizionatori.

 

Dormire al fresco mantiene giovani

Secondo gli studi, serve una temperatura inferiore ai 19 gradi per permettere all’organismo di raffreddarsi. Il processo di raffreddamento è fondamentale per il rilascio di melatonina, un ormone che aiuta a contrastare l’invecchiamento di cellule e organi, ma anche di somatotropina, sostanza nota come ormone della crescita, che contribuisce a farci sentire e apparire più giovani.

 

I benefici per il sonno

Una temperatura bassa, compresa fra i 16 e i 19 gradi, aiuta il corpo a raffreddarsi, preparandosi al sonno e addormentandosi più facilmente e velocemente. Al contrario, se la temperatura nella stanza è troppo alta o troppo bassa, il corpo rimarrà più a lungo attivo per cercare di regolare in modo adeguato la propria temperatura, rendendo difficile prendere sonno.

Esistono materassi studiati appositamente per garantire una sensazione di freschezza, sopratutto nelle stagioni più calde. Un esempio? Il materasso in lattice Soft Care, grazie alle eccezionali qualità della fibra biologica, garantisce un ottimo controllo dell’umidità corporea, facilitando il sonno anche in estate.

Materasso rinfrescante

Materasso in lattice Soft Care

I benefici per la salute

Secondo uno studio dell’American Diabetes Association durato 4 mesi, la temperatura ideale per dormire si aggira fra i 18 e i 19 gradi. Una stanza fresca aiuta infatti il metabolismo a rimanere veloce e attivo, bruciando più calorie durante le ore di veglia e prevenendo la comparsa di malattie legate ai processi metabolici, diabete e obesità in primis.

 

Abbassare la temperatura corporea, oltre a quella della stanza

È risaputo che un bagno caldo abbia effetti rilassanti, soprattutto se fatto prima di dormire. Immergersi in una vasca di acqua calda, però, aiuta anche il processo di raffreddamento del corpo. Dopo un’immersione in acqua calda di circa 15 minuti, il corpo sarà maggiormente sensibile alla differenza di temperatura fra l’acqua e l’esterno, attivando gli stimoli cerebrali che preparano il corpo al sonno.

Per rinfrescarsi e rilassarsi, si può anche ricorrere a olii essenziali. Mondoflex propone il Guanciale Eucalipto, con microcapsule con olio essenziale di eucalipto, dai noti poteri balsamici e rinfrescanti, ma anche antibatterici e purificanti.

Guanciale Eucalipto

Guanciale Eucalipto

 

Dormire con l’aria condizionata

Con l’arrivo dell’estate e del caldo, può essere faticoso addormentarsi. L’aria condizionata per dormire può essere un utile strumento, a patto di non abusarne. Per evitare eccessivi sbalzi di temperatura che possono portare mal di gola e raffreddori, è consigliato impostare una temperatura di massimo 6/7 gradi inferiore a quella esterna. Per evitare colpi d’aria e mal di schiena, il getto d’aria deve essere sempre indirizzato verso l’alto, avendo cura poi di spegnere il condizionatore durante la notte. Una volta che vi sarete addormentati, il corpo si raffredderà naturalmente, anche senza aria condizionata.