Consigli per dormire bene in una camera d’hotel

dormire bene in hotel

Chi viaggia molto per piacere o per lavoro lo sa bene, non è facile dormire in modo soddisfacente in una camera d’hotel soprattutto la prima notte. Questo fenomeno si verifica a causa dell’istinto primordiale che attiva la parte del cervello preposta alla protezione: non si riesce a dormire un sonno profondo perché il cambiamento di ambiente mantiene attiva l’indole di difesa.

Anche fattori psicologici come il non sentirsi a proprio agio in un nuovo contesto o la mancanza di rumori e profumi caratteristici della propria quotidianità possono contribuire, nonostante sia comprovato che il fenomeno si affievolisca notte dopo notte.

Ecco i nostri suggerimenti per dormire bene in hotel.

 

Giocare d’anticipo

Per capire come dormire bene in hotel e svegliarsi riposati conviene prepararsi e controllare le recensioni degli alberghi osservando attentamente la posizione dello stabile e le fotografie della stanza per effettuare una scelta pensata in base alle proprie esigenze. Se si soffre di allergie o fastidi dovuti alla polvere meglio controllare che il letto presente nella stanza sia composto da materasso lenzuola e cuscini anti-acaro, che non sia presente moquette che possa trattenere eventuali residui di polvere e che sia attivo un sistema di purificazione dell’aria.

 

Personalizzazione della camera

Se si è abituati a dormire con una tipologia specifica di guanciale, ad esempio in memory o cervicale, e si è coscienti di quanto sia determinante per poter trascorrere una notte serena allora perché non portarlo con voi? Il vostro riposo ne uscirà sicuramente giovato e avrete un pezzetto di casa ovunque voi siate. Per ambientarvi ancora di più potreste inoltre “arredare” la camera con alcuni oggetti di uso quotidiano a voi familiari come ad esempio la sveglia, un libro o delle candele profumate. La regola principale da seguire è spegnere il cellulare ed i dispositivi elettronici, se lasciati accesi stimoleranno anche a livello inconscio il cervello ed il livello di attenzione durante il riposo notturno.

 

Mantenere le abitudini quotidiane

Ognuno di noi ha delle abitudini che, anche se non ci si accorge, vengono ripetute quotidianamente non solo al momento del risveglio ma anche prima di andare a dormire. Esaminate attentamente queste abitudini e cercate di ripeterle, per quanto possibile, anche durante il vostro soggiorno in hotel. Ad esempio siete abituati a leggere un libro prima di addormentarvi? Portatelo con voi e leggete qualche pagina sotto le coperte, in questo modo il cervello riscontrerà gli stessi stimoli di quando vi trovate a casa nella quotidianità.

 

Piccoli accorgimenti utili

Anche i piccoli accorgimenti contribuiscono ad un corretto riposo e ad un risveglio pieno di energie. Una doccia o un bagno caldo prima di andare a dormire rilassa corpo e mente e sarà più facile addormentarsi, evitare di mangiare troppo a cena o di fare uno spuntino durante la serata aiuta il processo digestivo e permette un riposo più sereno, chiudere bene le tende per non far filtrare luci dall’esterno previene un eventuale risveglio anticipato. Inoltre, se l’albergo si trova in una zona trafficata o centrale è consigliabile prenotare la camera più silenziosa e lontano dalla strada, meglio se all’ultimo piano e lontano da ascensore e scale per non essere disturbati dalla movida notturna e dal continuo via vai degli altri clienti.